Sostienici economicamente

News

Categoria: Generale
Conferenza stampa Forum Ambientalista del 16-12-2017
Categoria: Generale
Comunicato del 13-11-2017
Categoria: Generale
Le nostre preoccupazioni erano fondate (novembre 2017)
Categoria: Generale
Lettera Amministratori Follonica (Ottobre 2017)
Categoria: Generale

Sentenza TAR. «Comuni pronti a nuovo ricorso» - luglio 2017

Stampa questa paginaStampa questa pagina

FACEBOOK

Forni inadeguati - diossina nei fumi


Conferenza stampa Forum Ambientalista del 16-12-2017
Categoria: Generale
Postato da: comitato

apri presentazione PDF


«Forni inadeguati, diossina nei fumi»

SCARLINO Lo aveva denunciato già nel 2015, opponendosi alla precedente richiesta della Scarlino energia (la quarta) di autorizzare l'inceneritore di Scarlino: i forni dell'impianto non avrebbero le dimensioni adatte per consentire quel processo chimico che abbatte la diossina contenuta nei fumi prodotti dalla combustione dei rifiuti. Sarebbero, insomma, troppo piccoli per consentire ai fumi di rimanere nella camera di combustione almeno 2 secondi a una temperatura di 850 gradi, come prescrive la legge già dal 2005.

È una questione di chimica: solo a quelle temperature le molecole di diossina si degradano e non sono più pericolose. Allora era una supposizione, basata sull'osservazione di tavole dell'impianto (fornite dalla stessa società proprietaria), che erano in scala, sì, ma non dettagliate al millimetro. Ora nel nuovo round di richieste di autorizzazione avanzate da Scarlino energia - il quinto - il Forum Ambientalista di Grosseto torna a ribadirlo nelle proprie osservazioni inviate il 12 dicembre alla Regione Toscana. E lo fa con nuovi documenti, anche questi firmati Scarlino energia, che dettagliano in maniera puntuale le misure del forno. Fatti i calcoli, la conclusione del Forum ambientalista è che i fumi rimangono a 850 gradi poco più di un terzo del tempo prescritto dalla legge. E da anni nessun ente pubblico tra quelli chiamati a vigilare - Arpat, Regione, Provincia - lo ha verificato. «È indecente», tuona Roberto Barocci del Forum ambientalista, che ieri ha presentato i dati in una conferenza stampa a Grosseto. L'impianto - operativo dal gennaio 2013 al maggio 2014 - è chiuso da un anno e mezzo. Nel suo "curriculum", dieci fermate per sforamenti in meno di due anni, emissioni ben superiori ai valori di legge venute fuori durante un controllo a sorpresa, tre sentenze del Consiglio di Stato che ha annullato le autorizzazioni rilasciate illegittimamente e, ultima in ordine di tempo, una sentenza del Tar che a luglio ha accolto in parte i ricorsi degli ambientalisti.

Scarlino energia ha presentato istanza per riaprirlo, ed è per scongiurare l'eventualità che il Forum ambientalista ha inviato in Regione le osservazioni.«Per consentire l'abbattimento delle diossine in letteratura è consigliato che il forno sia alto almeno tre volte rispetto a quanto è largo - dice Barocci - con un rapporto tra altezza e diametro di 3 a 1. Per l'inceneritore di Scarlino abbiamo calcolato che è 0,5 a 1». Ecco i calcoli. Nelle relazioni tecniche prodotte per la Via del 2015, Scarlino energia calcola, in tutti e tre i forni, un'altezza utile di 5,3 metri, per attraversare la quale i fumi impiegano da 2,8 a 3,2 secondi (dipende dal forno). Quindi le prescrizioni di legge sarebbero rispettate. «Ma la misurazione - obietta Barocci - per legge va fatta da punto di ingresso della cosiddetta aria secondaria a quello dove i fumi escono, "nelle condizioni più sfavorevoli", dice la legge, quindi tra "un metro sopra l'ingresso del combustibile" e la soglia di "uscita fumi"». Con i nuovi documenti il Forum ambientalista sostiene di essere in grado di conoscere esattamente a che altezza sono questi due punti e di poter calcolare l'altezza utile per i fumi.

«E sono 2 metri, non 5,3 come dice Scarlino energia», dice Barocci. Meno spazio significa, per i fumi, molto meno tempo impiegato per uscire quindi minore tempo di permanenza nella camera di combustione alle temperature necessarie per abbattere le diossine. Quanto? «Solo 1,06 secondi - spiega Barocci - cioè poco più di un terzo di quanto indicato dalla società». Ieri Il Tirreno ha provato a contattare Moreno Periccioli, numero uno di Scarlino energia, senza però ricevere risposta. Intanto però per il Forum ambientalista non ci sono dubbi: «È certo che a queste condizioni l'impianto non può funzionare», dice Barocci.

dal sito: http://www.comune.follonica.gr.it/rassegna_stampa/stampa_testo_articolo.php?id_com=127510



Ultimo aggiornamento: 2012-10-28

Pagina precedente: POESIE
Pagina successiva: La bandiera


web site analytic